Percorsi formativi per i presbiteri delle Chiese di Sicilia

Con la nuova Commissione del CMBP si è pensato per l’anno 2018 a tre percorsi formativi da offrire a seminaristi del sesto anno di pastorale, diaconi transeunti, presbiteri e parroci. Il corso sul sacramento della Riconciliazione dal titolo Strumenti della tenerezza di Dio si terrà al Centro Kolbe di Carini dal 19 al 23 febbraio 2018 e prenderà le mosse dal secondo capitolo del Sussidio sul rinnovamento del Clero a partire dalla formazione permanente Lievito di fraternità nel quale viene ripresa la categoria della tenerezza, più volte impiegata da Papa Francesco.

Il corso sulla parrocchia dal titolo La saggezza amministrativa nella cura dei beni ecclesiastici si terrà presso la Casa diocesana di Baida a Palermo dal 9 all’11 aprile 2018. Il capitolo VI del sussidio Lievito di fraternità tratta della saggezza amministrativa nella cura dei beni ecclesiastici. Il laboratorio sulla Parrocchia si propone di accompagnare e sostenere i presbiteri «a non confondere l’efficacia apostolica con l’efficienza manageriale. […] Si tratta di imparare ad affrontare anche tale impegno come esercizio di una responsabilità pastorale, da vivere con sobrietà ed essenzialità». La Parrocchia, per Papa Francesco, infatti, deve poter «assumere forme molto diverse che richiedono la docilità e la creatività missionaria del pastore e della comunità». Solo se saprà riformarsi e adattarsi costantemente, continuerà ad essere «la Chiesa stessa che vive in mezzo alle case dei suoi figli e delle sue figlie» (EG 28). Su richiesta di diversi presbiteri e in modo particolare della Commissione Presbiterale Siciliana abbiamo programmato un corso denominato Le beatitudini del prete che terremo presso l’Hotel Federico II ad Enna dal 18 al 21 giugno 2018. Il corso prende le mosse dal volume di Ignazio Sanna su Le beatitudini del prete.

Un progetto di spiritualità sacerdotale edito dalla Piemme nel 1995 e intende offrire ai presbiteri una formazione integrale, in modo che i fedeli possano incontrare sacerdoti adeguatamente maturi e formati. Secondo la Ratio «la chiamata divina interpella e coinvolge l’essere umano “concreto”. […] La formazione umana, promuovendo la crescita integrale della persona, permette di forgiarne la totalità delle dimensioni. Dal punto di vista fisico, essa si interessa di aspetti quali la salute, l’alimentazione, l’attività motoria, il riposo; in campo psicologico si occupa della costituzione di una personalità stabile, caratterizzata dall’equilibrio affettivo, dal dominio di sé e da una sessualità ben integrata. In ambito morale si ricollega all’esigenza che l’individuo arrivi progressivamente ad avere una coscienza formata, ossia che divenga una persona responsabile, capace di prendere decisioni giuste, dotata di retto giudizio e di una percezione obiettiva delle persone e degli avvenimenti».

» SCARICA LA BROCHURE