logoexediocesicl-1637012604
vescovo-russotto

facebook
instagram
twitter
youtube
whatsapp
phone
senzatitolo-1
logoexediocesicl

Copyright © 2021 Diocesi di Caltanissetta, Viale Regina Margherita 29, 93100 Caltanissetta. Tel.: 0934 21446​


facebook
instagram
twitter
youtube
whatsapp
phone

CF. 92004790850

LOGOS Il Vangelo del 23 Gennaio 2022LOGOS Il Vangelo del 16 Gennaio 2022LOGOS Il Vangelo del 9 Gennaio 2022I MARTEDI' DELLA PAROLA: vespriLOGOS Il Vangelo del 2 Gennaio 2022I MARTEDI' DELLA PAROLA: 4 gennaio 2022 "Sogno di Pace" Is 2, 1-5

NEWS

SelfieWeb.it by Art's Comunicazione

Essere sempre più amore

29-06-2017 01:00

Diocesi di Caltanissetta

omelie,

Essere sempre più amore

Essere sempre più amore 25° anniversario di matrimonio di Patrizia e Antonio D’AlessandroRoma – chiesa delle suore dell’Assunzione29 giugno 2017 1.   

Essere sempre più amore

 

25° anniversario di matrimonio di Patrizia e Antonio D’Alessandro

Roma – chiesa delle suore dell’Assunzione

29 giugno 2017

 

1.      Amare di più

 

In questa solennità dei santi Pietro e Paolo, colonna e fondamento della Chiesa, noi rendiamo grazie al Signore per il suo amore e per la sua fedeltà perché Lui per primo si è compromesso con noi pronunciando il suo “sì”; lui per primo ha creato e ha scelto questa umanità prigioniera della finitudine del sesto giorno come sua sposa per sempre con la quale entrare in dialogo, con la quale celebrare queste nozze d’amore.

 

E Dio ha detto “sì” a questa umanità amandola fino allo spreco perché l’amore non calcola, l’amore si dà e non attende. Dio ha tanto amato il mondo da far dono del Figlio suo. Poteva salvare il mondo senza bisogno di sposare la nostra finitudine, con tutti i limiti fatti di prove, di tentazioni, di persecuzioni, di lacrime, di incomprensioni, di abbandoni e di tradimenti, fino al supplizio della croce. Ma l’amore vero è questo, è l’amore che si dà fino allo spreco, quindi è un amore di più.

 

Per questo Gesù, parlando con Pietro in quell’ultimo loro dialogo e in quell’unica volta in cui gli dice: “Seguimi!”, solo alla fine del vangelo e solo dopo aver declinato tutta la grammatica dell’amore, chiede: “Pietro, mi ami tu di più?”, perché non esiste altra misura dell’amore che amare “di più”, amare da Dio, come ama Dio, il quale non tiene conto del male ricevuto, anzi con il suo amore “tutto copre e tutto scusa, tutto spera, tutto sopporta”, il quale vive un amore crocifisso.

 

E sarà sempre crocifisso l’amore, perché l’amore non è una danza a primavera, questo è solo l’innamoramento; l’amore è una continua salita sul Golgota del dono di sé senza esclusione, fino al perdono, come ha scritto Alessandro Manzoni, il quale faceva dire a fra’ Cristoforo, parlando con Renzo: “Fino a quando il tuo amore non diventa perdono nei confronti di chi continuamente ti ha fatto male, il tuo amore per Lucia non sarà vero, sarà passione”. E Renzo comprende che l’amore, per essere vero, deve diventare un super-dono e così dal profondo del suo cuore perdona anche don Rodrigo e libera il suo cuore.

 

2.      Amare di pura perdita

 

Oggi, carissimi Patrizia e Antonio, Dio vuole tessere con voi questo dialogo d’amore e vi chiede: “Mi amate voi di più?”. Venticinque anni sono una bella scuola nella grammatica dell’amore, durante questi anni avete certamente imparato l’amore di pura perdita, perché mettere al mondo quattro figli, limitare la propria vita facendosi dettare tempi e orari dalla “tirannia” dei figli significa davvero amarli di tutto cuore e amarli di pura perdita, amarli in modo che essi diventino non quello che voi volete, ma quello che Dio ha voluto per loro attraverso di voi, perché è da voi che li ha fatti nascere.

Essi non devono essere a vostra immagine e secondo la vostra somiglianza, ma devono vedere in voi Colui di cui sono immagine e imparare da voi a tendere alla Sua somiglianza; devono vedere in voi quel volto di Dio che si fa amore fino allo spreco, che non si stanca, come Osea, di richiamare la sua sposa, un Dio che prima sposa e poi fidanza, perché questa è la teologia dell’amore di Dio: “Ti farò mia sposa per sempre, nella fedeltà e nell’amore, ti fidanzerò a me”. Quindi dopo lo sposalizio viene il fidanzamento, il fidanzamento come arte di cercarsi, arte di ritrovarsi sapendo che è facile perdersi.

Venticinque anni di matrimonio vi hanno insegnato a fare vostra quella preghiera di San Paolo che nei momenti di grande desolazione, quando voleva mandare tutti a quel paese, da Pietro a tutti i cristiani, prega il Signore di togliergli quella spina nel fianco. Quella spina sono i cristiani e le comunità che lui aveva fondato e che non rispondono al suo ideale e Dio gli dice: “Ti basta la mia grazia. Quando sei debole, allora sei forte”, perché è nella debolezza che impari l’amore di pura perdita e Dio continuerà ad amare in te, per te, al posto tuo, quelle comunità. Per questo San Paolo scrive: “L’amore di Cristo mi costringe, mi spinge - synekei - l’amore di Dio mi ha incatenato, mi ha imprigionato e io non posso più uscire dalle catene di questo amore”; ma è un amore così incatenante da essere propulsivo, da essere una spinta in avanti, una spinta ad essere sempre più amore.

 

3.      Amare nella libertà

 

In questi venticinque anni vi siete sforzati di vivere l’amore, di vivere d’amore. Ora, in questa nuova pagina della vostra vita, il Signore vi chiede di essere amore. Essere amore come Lui, perché solo in forza del vostro essere amore voi ri-nascete alla responsabilità di pascere i vostri figli, che sono quattro e che domani, non sappiamo, potranno essere otto con altri figli acquisiti. Voi siete chiamati ad essere amore per poter pascere nel suo amore questi figli dati a voi in custodia e in affidamento fino alla maturità della loro libertà, quando anche loro, come voi, impareranno ad aprire le ali della loro anima e a volare in alto.

 

Pietro e Paolo vi siano modelli: Pietro con la sua grammatica dell’amore, con quell’affetto, quell’amicizia che prova per Gesù anche quando lo ha tradito; Paolo col suo temperamento focoso, con la sua irruenza, ma con l’autenticità del suo cuore; Paolo che sperimenta la fragilità e  al contempo tutta la forza di Dio ed è consapevole di aver servito con amore il Signore in quei figli che sono le comunità a lui affidate e che dichiara di aver esortato, ammonito, corretto notte e giorno, tra le lacrime, per poter portare quei figli a capire un po’ la bellezza di essere da lui amati dell’amore di pura perdita.

 

E siccome siamo nella chiesa delle Figlie dell’Assunzione, Maria vi sia compagna di strada, invisibile Madre e Sorella, lei che ha imparato, da figlia, l’arte di essere madre e proprio quando ha maturato la sua maternità si è ritrovata di nuovo figlia: la figlia di Sion. Vi aiuti Maria a fare della vostra casa un vero paradiso, dove si respira aria di cielo nella carnalità del quotidiano; aria di cielo, perché la nostra anima ha sete, ha bisogno di aprire grandi orizzonti per respirare Dio, che è intimo a noi più di noi stessi, più dell’aria nei nostri polmoni, più del sangue nelle nostre vene.

 

Possa allora davvero la vostra famiglia, che è arrivata al sesto giorno, il giorno in cui sono stati creati l’uomo e la donna, entrare con Maria nel settimo giorno, il paradiso di Dio, fatto solo di amore e libertà. E così sia!

 

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder