Domenica, 26 Gennaio 2020
Appuntamenti Diocesani Orari Sante Messe La Voce del Vescovo Contatti Video Gallery Photo Gallery
ricerca
Diocesi
Appuntamenti Diocesani
Comunicati
Vescovo
Curia
Seminario Vescovile
Clero
Parrocchie
Istituti
Associazioni
Stampa Diocesana
Media Gallery
Link Utili Contatti
Cultura ed eventi 74

"Attualità delle dodici Regole Alfonsiane nell'era del processo telematico"

12 Gennaio 2020
di Redazione
Condividi
"Attualità delle dodici Regole Alfonsiane nell'era del processo telematico"

Incontro di studio nell'Auditorium del Seminario

L'Unione Giuristi Cattolici, retta nella sezione nissena dall'avv. Francesco Panepinto, in collaborazione con l'Ordine degli Avvocati, organizzano un incontro di studio sul tema: "Attualità delle dodici Regole Alfonsiane nell'era del processo telematico", giovedì 16 gennaio alle 15,30, nell'Auditorium del Seminario Vescovile, che sarà concluso dal Vescovo Mons. Mario Russotto.Presiede l'incontro la dott. Maria Grazia Vagliasindi, Presidente della Corte d'Appello di Caltanissetta e modera i lavori il dott. Giuseppe Pilato, Presidente del Consiglio Notarile di Caltanissetta e Gela. Dopo gli indirizzi di saluto dell'avv. Pierluigi Zoda, Presidente dell'Ordine degli Avvocati, e dell'avv. Emanuele D'Arma, Presedente dell'UGCI di Gela, introdurrà i lavori l'avv. Francesco Panepinto, seguito dalla relazione di padre Nino Fasullo, Redentorista e direttore della rivista Segno. sono previsti gli interventi del dott. Calogero Domenico Cammarata, giudice del tribunale nisseno e dell'avv. Giuseppe Iacona, Tesoriere del Consiglio Nazionale Forense.
Sant'Alfonso Maria de' Liguori (1696/1787) fu il più giovane e celebre avvocato del suo tempo, nel foro di Napoli, considerato invincibile nella difesa dei suoi patrocinati. Indignato per la corruzione che dominava l'ambiente forense del suo tempo, scelse la strada del sacerdozio abbandonando la professione, nella quale aveva dimostrato grande competenza, ma soprattutto dirittura morale. Scrisse una sorta di “Dichiarazione dei doveri dell’avvocato"  che ancora oggi si propone come fondamento condivisibile della deontologia professionale.

Condividi