Venerdì, 10 Luglio 2020
Appuntamenti Diocesani Orari Sante Messe La Voce del Vescovo Contatti Video Gallery Photo Gallery
ricerca
Diocesi
Appuntamenti Diocesani
Comunicati
Vescovo
Curia
Seminario Vescovile
Clero
Parrocchie
Istituti
Associazioni
Stampa Diocesana
Media Gallery
Link Utili Contatti
Parrocchie news 310

Due chiese riaperte al culto

18 Dicembre 2019
di Redazione
Condividi
Due chiese riaperte al culto

La Madrice di Delia e la Rettoria SS. Crocifisso a S. Cataldo

Due antiche chiese riaperte al culto dopo interventi di recupero architettonico e restauro: la chiesa madre di Delia S. Maria di Loreto e la Rettoria SS. Crocifisso di Gaddira a S. Cataldo, in cui il Vescovo Mons. Mario Russotto ha celebrato solennemente la nuova dedicazione e consacrazione nei giorni di sabato e domenica scorsi.Una festa per tutta la comunità di Delia la riapertura della chiesa madre, i cui lavori, finanziati dal Patto per il Sud, sono stati completati con le donazioni dei fedeli. “In questo tempio il cuore è Gesù Eucaristia, è il tabernacolo – ha sottolineato il Vescovo nella sua omelia - Noi siamo chiamati a ritrovare il cuore del tempio in quel tabernacolo per ritrovare il nostro cuore come tabernacolo ospitale di Gesù. e allora possiamo ritrovare il coraggio di dare testimonianza del Vangelo. Il coraggio di dire: E’ possibile passare dalla luce al buio, è possibile vincere ogni tenebra, ogni oscurità, perché la luce di Dio e del suo amore fa irruzione in noi.
L’amore che qui sperimentiamo nell’inchino misericordioso di Dio, siamo chiamati, a donarlo, a condividerlo con i nostri fratelli: non solo i poveri materialmente ma i poveri di senso, i poveri che non riescono a trovare una direzione nella loro vita; a condividerlo con gli affamati e gli assetati di affetto, di ascolto; a condividerlo con i ciechi, quelli che non riescono a vedere la luce di Dio nella loro esistenza.”
La Madrice di Delia, fondata nel 1300, è stata ricostruita a metà del XVIII secolo dopo il terremoto che ha sconvolto la Sicilia e ospita nei suoi sei altari di legno scolpito dorato, preziosi dipinti, sculture, reliquiari d’argento e un resto sacro di S. Rosalia,
Alla periferia di S. Cataldo l’antica Rettoria del SS. Crocifisso (XVIII secolo) si apre sulla campagna come un’oasi di pace, recuperata dall’antica costruzione e completata con nuovi locali pastorali che ne fanno un luogo ideale di meditazione e di preghiera anche per gruppi di giovani e famiglie che vogliano ritrovare un contatto profondo con la dimensione spirituale della vita.
“Il Crocifisso diventa la rivelazione piena e definitiva di Dio – ha ricordato il Vescovo Mario nella sua omelia - in Cristo Gesù crocifisso Dio ha detto compiutamente se stesso quaggiù. Non ha alcun’altra parola da aggiungere. In quell’inchino che il Crocifisso fa a ciascuno di noi è redento e risanato ogni cuore; e mentre il Crocifisso si inchina a noi, chinando il capo perché tutto sia compiuto, allarga le sue braccia ad accoglierci, ad ospitarci in quella fenditura del suo costato, come nella fenditura della roccia si è rifugiata la sposa del Cantico. È un nuovo Cantico dei Cantici che il Crocifisso vuole intonare con noi, con il suo popolo, per dire che noi siamo l’amata sposa, e solo nella fenditura del suo costato può trovare senso ogni nostro dolore, può trovare speranza ogni nostra sofferenza, può trovare conforto ogni nostra ferita”.
La Rettoria del SS. Crocifisso è stata completamente ristrutturata, con un nuovo altare in cui è stata collocata una reliquia del Beato Giacomo Cusmano, l'ambone, la sede ed una Casa Canonica nei locali antistanti la Chiesa, acquistati e ristrutturati con fondi CEI. I lavori sono stati diretti dall'arch. Giuseppe Di Vita, direttore dell'Ufficio Tecnico Diocesano.
 
Caltanissetta, 18 dicembre 2019
 
Mons. Giuseppe La Placa
Vicario Generale
Direttore Ufficio Stampa
 

Condividi